Domenica, 23 Settembre 2018
MESSINA

S. Saba, la fogna davanti alle Poste

Ci mancava anche la fuoriuscita di liquami fognari sul lungomare di San Saba, davanti alle Poste. Dopo le condotte a pezzi di Tarantonio, Marmora e contrada Mella, senza dimenticare la rete groviera di Ortoliuzzo, l’ennesima rottura è toccata ai residenti nel villaggio rivierasco. A raccogliere la segnalazione sui liquidi fuorusciti a pressione da un tombino e riversatisi in strada e sulla spiaggia, il consigliere del 6. Quartiere, Mario Biancuzzo. I residenti del complesso soprastante alla filiale, frequentato da moltissimi anziani dell’estrema riviera tirrenica, sono costretti a guadare od aggirare le pozzanghere, ed una ragazza sofferente di allergia, ha segnalato serie difficoltà ad uscire da casa. Già dalla prossima settimana peraltro, secondo tradizione, San Saba sarà invaso dai messinesi: non solo i proprietari di residenze estive ma anche tanti giovani alla ricerca del relax e del primo sole in spiaggia. Se l’Amam non interverrà celermente, troveranno i liquami che rendono l’aria irrespirabile e, peggio, arrivano in mare filtrando attraverso il terreno e il vicino arenile. Non è certo la prima volta che le condotte fognarie di San Saba registrano simili cedimenti ma accade quasi sempre d’estate, quando per qualcuno è più agevole “giustificarli” in nome della popolazione decuplicata dai vacanzieri.  Biancuzzo si rivolge al direttore generale dell’Amam, l’ingegnere Luigi La Rosa, chiedendogli di disporre un intervento urgente per eliminare la fuoriuscita. Nell’occasione ricorda che sul vicino litorale di Tarantonio e sull’ormai esiguo arenile davanti al complesso residenziale “Marmora 78” (50 famiglie) simili perdite e sversamenti da tubi fatti a pezzi dalle mareggiate, e non riparati, si consumano ormai da un anno. A questo proposito l’esponente del 6. Quartiere interroga il dirigente comunale del settore impianti, l’ingegnere Antonio Amato, «se abbia provveduto a dare l’incarico per la redazione del progetto della nuova condotta fognaria tra Tarantonio a M»armora.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X