Mercoledì, 26 Settembre 2018
MESSINA

Rapina alle Poste, preso anche il secondo uomo

Anche il secondo autore della rapina alle poste di largo San Giacomo del 30 gennaio scorso è stato arrestato dalla Squadra Mobile. Si tratta di Paolo Simone Scuderi, 25 anni catanese come il complice arrestato in flagrante dai poliziotti, il 49enne Nicola Culosi. Scuderi era riuscito a sfuggire alla cattura, nonostante l’intervento di due poliziotti  liberi dal servizio. Il 25enne sferrò un colpo di taglierino ferendo al volto l’agente prima di fuggire. Le indagini hanno consentito agli investigatori di identificare Scuderi e di arrestarlo. Il giovane è ora rinchiuso nel carcere di piazza Lanza per rispondere di concorso in tentata rapina, resistenza a P.U., lesioni, ricettazione  e detenzione illegale di arma.  Quando i due catanesi entrarono in azione, armati di taglierino e pistola calibro 7,65,  i poliziotti si trovavano all’interno di un bar e si precipitarono nell’ufficio postale. Ima gente sferrò un pugno in pieno volto a Culosi stordendolo e riuscendo a catturarlo. Scuderi invece riuscì a ferire il poliziotto che lo aveva affrontato e si  allontanò a gambe levate. Le indagini della Squadra Mobile tuttavia non si fermano qui. Scuderi e Culosi hanno alle spalle diversi precedenti proprio per rapine negli uffici postali passando per le porte antipanico con una particolare tecnica.  Gli investigatori vogliono accertare se alcuni dei colpi messi a segno recentemente a Messina possano essere opera dei due catanesi. E si cerca anche l’eventuale basista, l’uomo che avrebbe fornito loro il ciclomotore utilizzato per il tentativo di rapina e risultato rubato a Bordonaro nel settembre scorso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X