Mercoledì, 19 Settembre 2018
CALCIO

Il Messina respira
arriva Serpieri

riccardo serpieri, Messina, Archivio
gianluca grassadonia

Il Messina ricomincia da 20, tanti quanti sono i punti conquistati in questo tribolato girone di andata in cui per la squadra di Grassadonia ci sono state più ombre che luci. Nel 2015, però, i giallorossi vogliono invertire il trend come aveva anticipato il tecnico peloritano alla vigilia della sfida con il Savoia. Con i tre punti conquistati contro i campani al termine di una prestazione particolarmente convincete nel primo tempo, la zona play-out fa, però, meno paura anche se adesso non bisognerà abbassare la guardia. Gli scontri diretti che il Messina si accinge a giocare con Barletta, Lupa Roma e Reggina potrebbero fare la differenza unitamente a quelle operazioni di mercato indispensabili per stare al riparo da sorprese in un girone di ritorno che si preannuncia particolarmente battagliato sia in testa sia in coda perché nessuno è disposto a bruciare gli investimenti fatti. Grazie al 3-0, il Messina ha spezzato la spirale di risultati negativi che durava da nove giornate mentre la difesa è ritornata, dopo sei turni, a non incassare gol. Tra le note positive della gara con il Savoia il debutto convincente del neo acquisto Amato Ciciretti, capace di ricoprire più ruoli, in mezzo ed i attacco. In attesa di vedere all’opera il centrocampista offensivo Manuel Mancini, altro elemento arrivato con ottime referenze in riva allo stretto, è lui il calciatore che ha maggiormente impressionato anche se andrà rivisto in altri contesti e contro squadre più forti. Altra nota lieta e significativa, l’impiego del giovane della formazione Berretti, Giovanni Sciliberto, figlio di una delle vittime dell’alluvione di Giampilieri.

Il Messina comincerà il girone di ritorno domenica prossima contro il Barletta, formazione che nei prossimi giorni sarà penalizzata in classifica per il mancato versamento dei contributi nei tempi previsti. Due le assenze certe, una per parte, gli squalificati Altobello e l’ex Mariano Stendardo per i pugliesi. Particolarmente pesante l’assenza del centrale peloritano che, data la lunga indisponibilità di Silvestri,  potrebbe essere sostituito da Enrico Pepe se lo stesso recupererà dal problema muscolare o da Alessio De Bode, uno dei calciatori messi sul mercato dal presidente Lo Monaco. Al rientro Saro Bucolo, il cui posto da titolare, nel centrocampo a tre non è, però, così sicuro.

MERCATO- Intanto alla ripresa c'è un volto nuovo nel gruppo guidato da Gianluca Grassadonia. Si tratta di un difensore, scuola Lazio, Riccardo Serpieri, 21 anni il prossimo 15 febbraio. Se convincerà lo staff tecnico sarà ingaggiato. Per l’ingaggio dell’attaccante della Torres, Saveriano Infantino, si attende solo l’ok dell’agente del calciatore al trasferimento in riva allo stretto. Le parti hanno trovato l’accordo nei giorni scorsi. In prova con la squadra giallorossa c’è l’attaccante paraguaiano Francisco Garcia che, adesso,  dovrà convincere lo staff tecnico.

In uscita, il più vicino alla partenza è il centrocampista Elio Nigro che, risolto il contratto con il Messina, dovrebbe accasarsi all’Aversa Normanna, la stessa squadra in cui andrà in prestito il portiere Ettore Lagomarsini così come Vincenzo Pepe che sta valutando le proposte che gli sono arrivate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook