Mercoledì, 16 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Il pesce puzza dal torrente

Le cassette, decine, contenenti pesce avariato sono là da giorni. Questa foto scattata il primo dicembre è relativa ad alcune cassette abbandonate dentro i cassonetti dei rifiuti nella sp 40 che porta a Zafferia. Poco più su, lo stesso tipo di pesce, sembrerebbe sarde o simili, è stato gettato o depositato, visto che è rimasto ordinato all’interno della cassetta, sul greto del torrente al di là del muretto proprio davanti a una serie di complessi abitativi. Altre cassette sono state gettate anche poco più giù. Da diversi giorni diverse sono state le segnalazioni da parte del quartiere che ha interessato Messinambiente, che ne ha la competenza, con un fax, gli abitanti del luogo hanno chiamato anche i vigili urbani che hanno telefonato alla partecipata e che oggi hanno sollecitato con un fax l’intervento urgentissimo di bonifica a Messinabiente visto che i cittadini col passare del tempo subiscono in maniera sempre maggiore le esalazioni della putrefazione del prodotto ittico. Un quantitativo notevole che per legge non può essere abbandonato né all’interno dei cassonetti ma ancor meno in ambienti naturali come l’alveo di un torrente in una zona ad alta densità abitativa. Le norme sanitarie in materia di gestione dei rifiuti o di bonifica dei siti inquinati relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano sono chiare e sono dettate dal regolamento della comunità europea n. 1774 del 2002 con successive modifiche ed integrazioni. E’ pur vero che oltre alla bonifica del sito sarebbe opportuno risalire all’autore o agli autori del gesto che si sono disfatti della merce in barba alle più elementari norme sulla sicurezza ambientale. Le indagini in questo senso competono al dipartimento Annona della polizia municipale interessatosi soltanto oggi dietro precisa segnalazioni. Oltre alla bonifica immediata sarà opportuno avviare tutte le indagini del caso per evitare il ripetersi di questi fenomeni. Una scelta veloce per sbarazzarsi di un rifiuto il cui smaltimento dovrebbe essere pagato alle ditte specializzate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X