Lunedì, 24 Settembre 2018
MESSINA

Confisca da un milione e mezzo per boss di Provinciale

A due anni esatti  dal sequestro giunge oggi la confisca dei beni del boss di Provinciale, Giovanni Lo Duca.  Un personaggio di primo piano che la DDA considera uno dei più pericolosi esponenti  della criminalità organizzata cittadina. Arrestato nell’operazione Anaconda, Lo Duca è stato ristretto per circa due anni al 41 bis perché dal carcere avrebbe continuato a gestire le attività illecite del suo gruppo a cominciare da usura ed estorsione. Ora l’Ufficio Misure di prevenzione  della Divisione anticrimine e la Squadra Mobile gli hanno confiscato un patrimonio di un milione e mezzo di euro. Il provvedimento è stato firmato dal Tribunale di Messina su richiesta del sostituto della DDA, Vito Di Giorgio.  Un provvedimento contro il quale hanno già preannunciato appello i legali di Lo Duca, gli avvocati Antonello Scordo e Salvatore Silvestro. L’ascesa criminale di Giovanni Lo Duca, ufficialmente commerciante di frutta e verdura, era iniziata con la scomparsa dei boss storici di Provinciali alla cui ombra era cresciuto. Da giovane affiliato ha esteso la sua egemonia sul quartiere gestendo le attività illecite compreso lo spaccio di droga. Già nel 2004 gran parte del suo patrimonio era stato sequestrato ma poi restituito perché non fu dimostrato in maniera probatoria il nesso fra arricchimento ed attività criminali. Nel 2012, grazie a nuovi riscontri, si è giunto al nuovo sequestro di beni. Gli inquirenti hanno potuto dimostrar la grande sperequazione fra redditi e tenore di vita di Giovanni Lo Duca che non ha presentato dichiarazione dei redditi dal 1993 al 2010.  Fra i beni confiscati un negozio in via San Cosimo, un appartamento a Camaro Inferiore, un centro Internet sempre in via San Cosimo, e poi una lunga serie di beni intestata a familiari come un negozio di frutta e verdura in via La farina vicino al ponte di Gazzi, un bar in via Catania,  un box al mercato Vascone, e poi un SUV, autocarri, conti correnti,  libretti bancari e  polizze vita.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X