Sabato, 20 Ottobre 2018
MESSINA

Erosione, cittadini pronti a tornare in Procura

erosione galati, Messina, Archivio
mare mosso

Il danno per  il denaro speso finora per progettare una barriera che non si farà, la beffa perché torna tutto in discussione con le mareggiate che non aspetteranno certo i tempi della burocrazia. C’è rabbia tra gli abitanti di Galati dopo la decisione scaturita ieri nella conferenza dei servizi di non dare seguito alla protezione mediante massi per proteggere soprattutto le case del condominio Raciti. La regione siciliana ha dato parere contrario indicando nel ripascimento l’alternativa, o comunque un’operazione propedeutica. A Galati, infatti, è destinata la sabbia che nelle ultime due ondate di scirocco il mare ha portato dentro il porto di Trenmestieri. Il tempo di espletare gli ultimi passaggi con l’impresa che si è aggiudicata l’appalto bandito dall’autorità portuale. Nei prossimi giorni una speciale imbarcazione della ditta La Dragaggi sparerà la sabbia con un cannone sull’arenile di galati per tentare di ricostituire l’arenile che negli ultimi 10 è andato via ci scomparendo. Ma ciò che temono adesso gli abitanti e che altre possibili mareggiate possano ulteriormente peggiorare la situazione mettendo seriamente a rischio le costruzioni.  Questo balletto tra comune e regione ora può avere uno strascico giudiziario poiché gli abitanti che si sono costituiti in comitato hanno dato incarico all’avvocato Luigi Giacobbe per presentare delle denunzie a procura e corte dei Conti. A quest’ultimo organismo perché fin qui, per non giungere a nulla di concreto, s’è registrato un notevole dispendio di energie  economiche, considerato il ricorso anche ad un professionista esterno per la redazione del progetto. E poi anche i costi  degli eventuali sgomberi che dovranno essere ordinati qualora le future mareggiate mettessero in pericolo l’incolumità di quanti risiedono nelle case minacciate. Intanto, non resta incrociare le dita e sperare nelle buone condizioni meteo marine. L’esito dei lavori di ripascimento che dovrebbero iniziare e concludersi in questo mese, potrebbe essere determinante per indirizzare le decisioni future.    

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X