Sabato, 20 Ottobre 2018
OP. TEKNO

Nella rete anche agente
che arrestò il br Moretti

filippi, Messina, Archivio, Cronaca

Ancora guai giudiziari per Ettore Filippi, ex vicesindaco di Pavia. Filippi è finito agli arresti domiciliari insieme ad altre sette persone (imprenditori e funzionari del Consorzio autostrade siciliane), nell'ambito di un'inchiesta avviata dalla Procura di Messina. I reati ipotizzati, a vario titolo, sono quelli di turbata libertà degli incanti, induzione a dare o promettere utilità e istigazione alla corruzione. Ad Ettore Filippi, in particolare, viene contestato il reato di induzione indebita: nel suo ruolo di consigliere d'amministrazione del Policlinico San Matteo di Pavia avrebbe imposto all'imprenditore Giacomo Giordano (all'epoca dei fatti amministratore della Meridional, la società che ha in appalto i lavori di pulizia dell'ospedale) l'assunzione di un romeno nella sua ditta, in cambio della liquidazione dei lavori eseguiti dalla società. Filippi aveva trascorso 30 giorni agli arresti domiciliari anche nella scorsa primavera, con l'accusa di corruzione nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Pavia sulla sanatoria concessa dagli uffici tecnici del Comune (all'epoca in cui era vice-sindaco) per il resort "Cascina Scova". Ettore Filippi è conosciuto per avere arrestato (negli anni in cui guidava la squadra mobile di Pavia) Mario Moretti, uno dei capi storici delle Brigate Rosse.(ANSA).

Filippi è stato anche capo delle Volanti di Milano

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X