Lunedì, 21 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
CONSORZIO AUTOSTRADE

Appalti truccati:
i nomi degli arrestati

appalti truccati, consorzio autostrade, Messina, Archivio

Sono otto gli arresti domiciliari, disposti dal Gip di Messina, nell'ambito dell'operazione Tekno che ha coinvolto imprenditori e funzionari del Consorzio autostrade siciliane. I provvedimenti, eseguiti dalla Dia di Catania, riguardano cinque imprenditori: i fratelli Giacomo e Antonino Giordano, di 43 e 46 anni, Francesco Duca, 46 anni, Rossella Venuto, 43 anni, Giuseppe Iacolino, 32 anni. L'ordinanza è stata notificata anche al dirigente del Cas Letterio Frisone, 61 anni, e al funzionario dello stesso consorzio Filadelfio Scorza, 55 anni. Agli arresti domiciliari è stato posto anche il componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Irccs Policlinico di San Matteo di Pavia, Filippo Filippi, di 72 anni, accusato di induzione indebita: avrebbe imposto all'imprenditore Giacomo Giordano l'assunzione di un romeno nella sua ditta che aveva vinto l'appalto di pulizia nell'ospedale lombardo, in cambio della liquidazione di lavori eseguiti dalla società. Il Gip ha interdetto dall'attività imprenditoriale per due mesi Andrea Valentini, 54 anni e Antonio Chillè, di 53, e disposto il sequestro preventivo dei beni di Letterio Frisone fino ad un massimo di 100 mila euro. Quest'ultimo provvedimento fa seguito alla stima della presunta tangente che il dirigente del Cas, in qualità di responsabile del provvedimento della gara al centro dell'inchiesta, secondo la Procura di Messina, avrebbe ottenuto, oltre alla ristrutturazione di un suo immobile, per fare ottenere lavori a imprenditori 'amici'. 

C'è anche il rifiuto di una tangente negli atti dell'inchiesta Tekno della Procura di Messina sul Consorzio autostrade siciliane. La dazione sarebbe avvenuta da parte di Giacomo Giordano, che è stato posto agli arresti domiciliari dalla Dia di Catania, nei confronti di un dirigente della Aeroporti di Roma (Adr) che era preposto alla gestione dell'appalto di pulizia nello scalo Leonardo da Vinci di Fiumicino svolto da una società riconducibile all'imprenditore, la Meridional service. Per ottenere eventuali riduzioni sulle penali contrattualmente previste in caso di inadempimenti nella prestazione del servizio Giordano avrebbe lasciato una busta con buoni carburanti per 500 euro. Il funzionario dell'Adr, non soltanto ha rifiutato la tangente, ma ha provveduto ad informare superiori e collaboratori dell'accaduto e a restituire successivamente la busta. Il reato ipotizzato dalla Procura di Messina è di istigazione alla corruzione. (ANSA)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X