Venerdì, 01 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Rifiuti, per Messina serve "solidarietà"
CROCETTA

Rifiuti, per Messina
serve "solidarietà"

discarica, mazzarrà sant'andrea, rifiuti, Messina, Archivio
discarica mazzarrà

"L'utilizzo della discarica di Motta Sant'Anastasia per l'emergenza rifiuti a Messina, dopo la chiusura di Mazzarà Sant'Andrea, è un atto dovuto per legge ed è persino un atto di solidarietà nei confronti di quei comuni che in questo momento si trovano in grande difficoltà dopo il provvedimento di sequestro disposto dalla magistratura. Voglio rassicurare i sindaci e la popolazione interessata, confinante col sito di Motta Sant'Anastasia, che non si tratta di un provvedimento definitivo ma di un atto temporaneo e transitorio". Lo dice il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta. "Col dipartimento rifiuti stiamo verificando altre possibilità, inclusa quella di riattivare, a termine e dopo i provvedimenti necessari, la stessa discarica di Sant'Andrea", aggiunge Crocetta. Che lancia un appello: "Guai a fare prevalere in questo momento egoismi e contrapposizioni tra città, di fronte alle difficoltà si ha tutto il dovere di collaborare, nessuno tiri la corda da una parte o dall'altra; il patto di solidarietà tra cittadini è fondamentale per andare avanti". "La Regione - prosegue Crocetta - è vittima di un piano dei rifiuti stabiliti nel passato che ha previsto il concentramento della spazzatura nelle due grandi aree di Mazzarà Sant'Andrea e di Motta Sant'Anastasia, eliminando le discariche pubbliche e determinando l'attuale situazione. Sono in corso degli approfondimenti, a partire da Messina, per modificare questa situazione, inoltre occorre accelerare la definizione del nuovo piano dei rifiuti, su cui la Regione intende coinvolgere la Presidenza del Consiglio dei ministri e il ministero dell'Ambiente, affinché le scelte sbagliate dle passato non vengano pagate dai siciliani". "Invito tutti a collaborare - prosegue il governatore - senza facili demagogie e populismi. Chi oggi si trincera dietro posizioni rigide domani potrebbe ritrovarsi in difficoltà". Per Crocetta "la scelta di creare queste grandi discariche è stata sbagliata, ma non si cambia modello dall'oggi al domani perché esistono leggi che vanno rispettate da tutti. Invito quindi a chiudere le polemiche, nei prossimi giorni convocherò i sindaci delle città interessate al problema per coinvolgerli nella definizione del piano di conferimento dei rifiuti".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook