Venerdì, 18 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
NEL MESSINESE

Oggi un ulteriore peggioramento

  Codice rosso: Allarme. No, non è il remake di un film di guerra, ma l’allertamento al massimo livello lanciato dalla Protezione Civile della Regione Sicilia, visto che nel corso della giornata odierna, il tempo subirà un ulteriore peggioramento sulla Sicilia orientale, dopo quello subito ieri, tra piogge torrenziali e tornado. Cosa sta succedendo nell’at - mosfera? Una profonda depressione centrata sulle Baleari sta incrementando velocemente il suo potenziale, grazie ai contrasti termici tra l’aria fredda in arrivo e quella molto più calda ed umidissima sospinta dalle impetuose correnti sciroccali. Questa miscela favorirà tra la tarda mattinata e il primo pomeriggio la formazione di cumulonembi temporaleschi sul versante ionico meridionale, in rapidissima espansione verso l’area dello Stretto di Messina. In questo frangente si potranno verificare delle manifestazioni temporalesche anche di forte intensità con possibili nubifragi nelle province di Siracusa, Catania e Messina. Tra il pomeriggio e la serata le precipitazioni si intensificheranno in alcune zone del versante ionico messinese al confine con la provincia di Catania, in successiva risalita verso i comuni di Roccalumera, Nizza e Scaletta Zanclea, non tralasciando Itala e Giampilieri. Il severo maltempo potrebbe proseguire anche nelle prime ore di venerdì, allorquando una linea d’instabilità temporalesca, seguita dal fronte freddo valicherà lo Stretto di Messina. Questo complesso quadro meteoclimatico presuppone delle situazioni non facilmente prevedibili, come trombe d’aria e forti venti di groppo nelle zone temporalesche e altri fenomeni locali, e di converso degli spostamenti sostanziali dei corpi nuvolosi, che potrebbero scaricare l’imponente quantitativo di pioggia in mare aperto, piuttosto che sulla terraferma. Nella mattinata di venerdì, il profondo minimo depressionario s’attesterà su Malta, sospingendo dei venti di Levante (E) verso la Sicilia orientale e la Calabria ionica, e potrebbe favorire ulteriori forti precipitazioni anche a carattere temporalesco, con quantitativi non prevedibili.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X