Mercoledì, 16 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Piemonte presidio
territoriale
d'emergenza

ospedale piemonte, Messina, Archivio

Tutelare l’esigenza primaria di accesso alle cure  rispettando i parametri della spending review. E’ il principio su cui si  basa la piattaforma programmatica del comitato spontaneo Sanidea che punta a rifunzionalizzare l’ospedale Piemonte potenziado soprattutto il settore dell’emergenza vista la sua indiscussa posizione strategica. Ed è appunto il pte, il presidio territoriale  di emergenza il primo obiettivo da raggiungere a cui va collegata la realizzazione di una postazione delle rete territoriale di soccorso con presenza di ambulanze avanzate. All’interno del nosocomio di viale Europa nascerebbe anche l’ospedale di comunità con 20 posti letto, gestito da personale infermieristico, ma  con l’assistenza di medici di medicina generale, pediatri e specialisti. Quindi un poliambulatorio specialistico h 12 che troverebbe continuità con la pronta disponibilità  specialistica notturna e festiva. Sulla piattaforma di Sanidea si registrano già i primi malumori di chi aderisce invece alle proposte  del comitato Salvare l’ospedale Piemonte. Quello prospettato oggi è un poliambulatorio - tuona Giovannà  Crifò- non  un ospedale. E perché il Piemonte sia tale, deve mantenere 121 posti letto- ricorda la consigliera di Forza Italia- tutto il resto significherebbe fargli fare la stessa fine del Margherita.    

 

 

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X