Martedì, 25 Settembre 2018
MESSINA

Viadotto Ritiro
15 offerte

viadotto ritiro, Messina, Archivio
viadotto ritiro

Si lavora a tappe forzate ma i tempi stringono. La messa in sicurezza del viadotto ritiro è una emergenza cittadina che deve però essere gestita dal Consorzio autostrade.

Qualche giorno fa si sono chiusi i termini per la presentazione delle offerte per il bando da 60 milioni di euro che finanzierà gli interventi di adeguamento statico e miglioramento sismico di una struttura che va rinforzata e ammodernata dopo le analisi effettuate dagli esperti e anche dall'Università. Sono state una quindicina le buste che sono state presentate tutte da aziende italiane per questo appalto così ricco. Pochi giorni dopo la nomina,  la commissione ministeriale chiamata a valutare le offerte si è riunita per iniziare l’analisi della offerte per questo appalto integrato, progettazione+ lavori. Un cammino a tappe forzate che proseguirà Lunedì e che però potrebbe portar via diverse settimane. Il Cas ovviamente ha tutto l’interesse ad accelerare i tempi dell’aggiudicazione di questi lavori che sono , con gli svincoli, e con il porto, fra i più significativi e costosi di questo e del prossimo decennio.La fretta del consorzio è solo uno stimolo e nulla più per la commissione che è indipendente e che dovrà prendersi tutto il tempo utile per, prima ammettere e poi valutare le offerte.

Non sarà il semplice ribasso d’asta a fare la differenza ma anche l’ottimizzazione del progetto con un più alto coefficiente di adeguamento sismico  o addirittura con una premialità per chi prevede soluzioni, a fine lavori, per la piena funzionalità del viadotto in rapporto al vicino svincolo di Giostra. In pratica se nel progetto è previsto anche il by pass che eviterà di bloccare l’autostrada per quasi due anni e se questa bretella può rappresentare anche, di fatto, l’uscita degli svincoli che continua a mancare, tanto di guadagnato.

Ma il vero motivo per cui bisogna davvero fare in frettaè quello legatola finanziamento di questa maxi opera. Se i 30 milioni di euro che ha stanziato il Cas sono certi, gli altri 30 milioni, quelli del Cipe, quelli devono essere impegnati entro la fine dell’anno altrimenti addio viadotto .

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X