Martedì, 25 Settembre 2018
MESSINA

Si amplia il mistero
sulla morte del disabile
all'Anffas di Giostra

anffas, santino rende, Messina, Archivio

Le testimonianze raccolte dalla difesa e dagli inquirenti subito dopo la morte di Santino Rende, avvenuta il 2 ottobre scorso, dopo la scarica elettrica che lo ha colpito all'Anffas il giorno prima, rendono il giallo ancora più fitto. I racconti della badante (che non avrebbe riconosciuto alcuni degli abiti indossati dal 47enne dopo la tragedia), dei responsabili del Centro di Giostra (carichi di contraddizioni) e il mancato ritrovamento di un mazzo di chiavi sono sotto la lente della Procura. I familiari della vittima chiedono giustizia.

I PARTICOLARI NELL'EDIZIONE CARTACEA DELLA GAZZETTA DEL SUD IN EDICOLA

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X