Lunedì, 21 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
PALLANUOTO A/1 F

Garibotti sicura
la Wp Messina
starà in alto

arianna garibotti, Messina, Archivio

Grinta da vendere e “fame” di vittorie mai sopita, un esempio da seguire per chi aspira a vincere. Ed in vasca sa come far sentire il suo peso a compagne ed avversarie.

Ad Arianna Garibotti, punto fermo della nazionale italiana, sono servite poche partite per diventare una delle leader della Waterpolo Despar Messina. I numeri parlano per lei. Dieci gol in Coppa Italia, quattro in campionato. Un bottino personale di tutto rispetto e siamo soltanto all’inizio. L’atleta genovese, però, minimizza: “ Ho solo finalizzato il gioco di squadra, anzi, colgo l’occasione per ringraziare le compagne che mi mettono nelle condizioni  per tirare e segnare. Diciamo che sfrutto una delle mie caratteristiche migliori”.

Ottimo inizio in Coppa Italia, poi avete incontrato qualche difficoltà in campionato.

“ E’ solo una questione di equilibrio che troveremo quando la squadra crescerà sul piano dell’intensità. I meccanismi di gioco vanno, senza dubbio, perfezionati. Non sono preoccupata, la sconfitta di Imperia è stata solo un incidente di percorso, non c’è quel divario tra noi e loro. Il gruppo è ottimo e l’ambiente è perfetto per sviluppare un progetto serio. Sono felicissima di aver scelto Messina e convinta che ci toglieremo grandi soddisfazioni”.

Per raggiungere i traguardi prefissati  servirà il famoso cambio di mentalità…

“ Nelle scorse stagioni, la Waterpolo Despar Messina giocava per altri obiettivi, adesso tocca a noi, giocatrici più esperte, fare da traino alle più giovani che hanno ottime qualità e devono soltanto essere più consapevoli e fiduciose. Possono essere determinanti, anche giocando con un minutaggio inferiore”.

Firenze, sabato prossimo, altro banco di prova,  via di mezzo tra Imperia e Sis Roma ?

“ In un certo senso si. Partiamo con i favori del pronostico che dovremo confermare, evitando cali di tensione. Le toscane meritano rispetto ma noi contiamo di fare bene”.

Sei genovese di nascita, sarai rimasta colpita dalla recente alluvione…

“ Mi è dispiaciuto vedere la città in ginocchio ma sono meravigliata fino a un certo punto, dal momento che alcune problematiche era note, ed, evidentemente, non risolte per tempo. Sono vicina agli angeli del fango e tutti coloro che si stanno prodigando per far ritornare Genova alla normalità”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X