Giovedì, 20 Settembre 2018
MESSINA

Rogo auto, polizia
indaga su stalking

Le urla di disperazione degli abitanti di via Arcipeschieri descrivono meglio di ogni commento la tragedia che ha rischiato di consumarsi sabato notte. Le fiamme altissime hanno sfiorato le abitazioni che circondano la  stretta stradina che conduce al complesso Le terrazze. E molti hanno temuto di restare intrappolati in casa senza via d’uscita. Un rogo di sei auto ha costretto i Vigili del Fuoco ad un difficile lavoro per evitare che l’incendio non raggiungesse gli appartamenti dai quali molte famiglie sono fuggite terrorizzate. Ora la Squadra Mobile è al lavoro per scoprire il movente e possibilmente gli autori di questo gravissimo episodio. Quel che sembra certo al momento è che l’incendio sia stato appiccato ad una BMW 320 appartenente ad una donna di 54 anni abitante nella zona.  Qualcuno l’ha cosparsa di benzina ed ha appiccato il fuoco che ha completamente distrutto la vettura. Le fiamme in pochi minuti hanno raggiunto altre cinque macchine parcheggiate nelle vicinanze. Niente da fare per i proprietari qualcuno dei quali aveva anche tentato di spostare le auto ma troppo rischioso con l’incendio che avanzava inesorabilmente. Adesso gli investigatori stanno cercando di capire cosa si nasconda  dietro questo attentato.  Se si sia trattato di una vendetta, di un avvertimento o come ipotizzato da qualcuno di un caso di stalking. Gli investigatori sentiranno la proprietaria del BMW ma anche delle altre auto e alcuni abitanti della via Arcipeschieri per tentare di far luce su questo attentato. Un gesto che a Messina purtroppo si ripete sempre più frequentemente. Se si considerano anche  le intimidazioni a scopo estorsivo. Negli ultimi giorni in città sono state incendiate due ambulanze della Messina soccorso onlus in via Boner, un garage al complesso Europa di Pistunina che ha lasciato 50 famiglie senza energia elettrica, per non contare gli attentati a dirigente scolastico e insegnanti dell’istituto Albino Luciani di Fondo Fucile. Una preoccupante escalation che sabato notte però ha rischiato di trasformarsi da avvertimento a vera e propria tragedia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook