Venerdì, 21 Settembre 2018
MESSINA

Mezzi e cassonetti per una città più pulita

L’ultima grande spesa Messina Ambiente l’aveva fatta dieci anni fa.

I cassonetti, usati anche quelli, arrivano a costare anche 600 euro. Oggi la partecipata li ha pagati 70 euro e qualcuno di loro aggiunge, andrebbe fatta una bella inchiesta.

Messinambiente investe 400 mila euro per riammodernare un parco mezzi che langue da troppo tempo. Arriveranno entro settembre 6 mezzi di raccolta, 2 trattori stradali e 2 semirimorchi. Si aggiungono ai 10 mezzi a disposizione dell’azienda di via Dogali, dei quali funzionanti quotidianamente ve ne sono 3 o 4.

I 424 cassonetti arrivano domani da Lucca, da Terni e Macerata i mezzi meccanici. Tutta roba usata, ma, garantiscono Alessio Ciacci e Raphael Rossi, migliori di quello che Messinambiente ha già.

Sono stati dismessi per il passaggio a quel  porta a porta che Messina vorrebbe avviare entro 4 o 5 mesi ed è per questo che sono stati acquistati a prezzo di realizzo.

Sui camion nuovi saranno montati dei gps, che seguiranno il tragitto quotidiano dei mezzi. Rossi e Ciacci vogliono verificare l’efficienza del sistema di raccolta, dando per scontato che tutti gli operatori fanno a pieno il loro dovere.

Un investimento in autofinanziamento quello di Messinambiente che ha un budget risicato utile per pagare solo gli stipendi e nemmeno tutti con puntualità.

L’azienda chiede puntualità nei finanziamenti esterni che la tengono in vita. Dalla Regione aspetta 4 milioni da mesi, ha presentato un decreto ingiuntivo da sette milioni di euro all’Ato 3 ed intanto si continua a dibattere se è opportuno o no tenerla giuridicamente  in vita         

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X