Giovedì, 21 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

La testimonianza di una donna che ha assistito alla drammatica sequenza

antonino tomasello, spazzatrice, Messina, Archivio

  Per una giovane donna, residente in un vicino complesso e ferma in auto all’incrocio, l’im - magine ha parlato chiaro: «Andava prima a destra e poi a sinistra, poi s’è buttato sulle siepi ma visto che niente lo frenava, non ha potuto far altro che gettarsi nel torrente». La donna, è stata tra i primi a chiamare i soccorsi, è ancora scossa, indignata per l’esiguità della ringhiera del torrente, avverte il dirompente problema della sicurezza a Messina in tutti i lati e le implicazioni presenti. Ma passiamo al secondo autista di MessinAmbiente presente in zona. L’uomo, alla guida di un altro tipo di mezzo, più a monte ha superato la spazzatrice che discendeva, e che a quanto pare cominciava ad essere in difficoltà. «Era dietro di lui, ho visto un po’ di oscillazione nell’attimo in cui ho superato Tomasello – spiega – ma in quel momento m’è sembrata una cosa normale per questi mezzi». Non si dà pace: «Se l’avessi intuito avrei potuto tentare di salvarlo, magari mettendo il mio mezzo come scudo». Infine un secondo lavoratore di MessinAmbiente lancia un messaggio preoccupato: «Il giorno prima la spazzatrice l’avevo usata io, sulla statale 114, a Zafferia, al Cep. Come andava il mezzo? Bene, ma l’ho usato in zone interamente pianeggianti. In discesa la situazione, per chi guida, è diversa».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook