Sabato, 22 Settembre 2018
MESSINA

Tares, nuova emergenza rifiuti mentre scade la terza rata

E di nuovo emergenza rifiuti in città. E suona quasi come una beffa nel giorno di scadenza per il pagamento della terza rata per la Tares. Ieri siamo andati un po’ in giro tra la città e i villaggi rivieraschi, e la situazione è apparsa nuovamente critica, soprattutto per l’accumulo in molte zone di cataste di rifiuti non raccolti che con la forte calura di questi giorni creano non pochi problemi, a cominciare dal tanfo che si “sparge”. Da Mortelle a Santa Margherita il quadro s’è rivelato abbastanza desolante, con cumuli risalenti a parecchi giorni addietro, ma anche in centro, per esempio in via S. Cecilia, si sono notati cassonetti parecchio “d e b o r d a nti”. E sono sempre presenti alcune discariche abusive in zona non molto frequentate, per esempio suo Colli Sarrizzo oppure lungo i torrenti della zona nord, arrivando fino a Rodia e oltre. Quale sia il motivo della mancata raccolta continuano tutti a chiederselo, visto che è già partita la “r i v o l uzione” a MessinAmbiente con l’arrivo del duo Ciacci- Rossi. Ma a giudicare da quanto visto ieri non sembra che l’ora sia ancora scoccata. E dire che dopo la nuova programmazione di MessinAmbiente il duo Ciacci-Rossi ha previsto ulteriori turnazioni per la differenziata nelle utenze commerciali e per la raccolta nelle discariche abusive, con incremento della “paga oraria” e dei costi unitari degli automezzi. Ma ancora l’effetto di tutta questa programmazione non si vede. Speriamo che la situazione migliori nella prossima settimana. E dire che in previsione i disservizi segnalati avrebbero dovuto essere risolti in 24 ore. Altro capitolo a parte è quello delle erbacce che proliferano un po’ ovunque tra la città e i villaggi delle zone sud e nord, che divengono tanto più pericolose nella stagione estiva perché legate all’emergenza incendi. Basta un nulla per causare roghi. Anche qui si registrano ritardi negli interventi programmati.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X