Martedì, 18 Settembre 2018
MESSINA

Donna truffata
per 100mila euro
arrestato 58enne

antonino manganaro, Messina, Archivio

Il raggiro, posto essere per alcuni anni,  era molto ingegnoso ed aveva già fruttato qualcosa come 100mila euro. Scenario addirittura il Tribunale di Messina presso il quale l’uomo, millantando importanti amicizie, ha fatto credere alla vittima che ci fosse la possibilità di investire del denaro in procedure gestite dalla Sezione Fallimentare con interessi trimestrali sicuri ed elevati. Dopo esserci cascata ed aver affidato a lui i suoi risparmi la donna ha capito di essere caduta in un tranello e lo ha denunciato. La sezione di PG della Polizia ha così arrestato il 58enne Antonino Manganaro con le accuse di truffa aggravata, falsità materiale commessa dal privato e contraffazione di pubblici sigilli, reati per i quali è imputato anche per  fatti analoghi commessi presso il Tribunale di Catanzaro.

Manganaro ha prospettato l’affare alla vittima ed ha conquistato la sua fiducia dopo il primo assegno di 7.000 euro consegnato nel 2007 e  rilasciato “regolare” ricevuta con tanto di falsi timbri circolari apposti e l’intestazione della Sezione Fallimentare, data e protocollo. Nei mesi successivi ha anche consegnato i primi fittizi interessi raccontando che il denaro era in contanti solo grazie al suo interessamento. Ormai convinta dell’affidabilità dell’uomo la vittima, sicura della legalità dell’operazione, gli ha affidato altre somme di denaro per un ammontare complessivo di circa 95.000 euro. Sono dunque seguiti negli anni tutta una serie di artifizi messi in scena per rafforzare la fiducia della vittima e soprattutto per dilazionare e rimandare quanto più possibile il pagamento di interessi inesistenti.

Alla vittima sono state prodotte persino false ordinanze a firma di magistrati dove si comunicava agli investitori l’abbassamento del tasso di interesse o le nuove tabelle relative agli investimenti alla luce di una nuova circolare ministeriale.  Alla fine quando la vittima ha chiesto il recupero del capitale e dopo ulteriori raggiri si è resa conto  che nessun tipo di investimento era possibile presso la Sezione Fallimentare e così ha presentato denuncia facendo arrestare Manganaro. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook