Martedì, 22 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Cinque colpi di pistola calibro 7,65 contro un venditore ambulante

Cinque colpi d’arma da fuoco sparati all’impazzata, la drammatica fuga nel cortile di un palazzo (lo stesso dal quale alcuni mesi addietro precipitò una bimba di sei anni), poi l’intervento di carabinieri e polizia. Serata di violenza da “Far West” al confine tra Fondo Fucile e il villaggio Santo, in una di quelle vie senza nome (la “37 A”) che attraversano i nostri quartieri di periferia. La vittima è un venditore ambulante di compact disc, raggiunto alla gamba, fortunatamente solo di striscio, da uno dei colpi sparati probabilmente da due individui giunti a bordo di uno scooter. Intorno alle 21, il malcapitato, A. C., 47 anni, e' stato attinto da due colpi di pistola ad un arto inferiore. Ma il suo aggressore ha premuto cinque volte il grilletto di una pistola calibro 7,65 e solo la sua mira, non certo infallibile, ha evitato che la spedizione assumesse conseguenze ben più gravi. L'ambulante, che si trovava sul suo furgone posteggiato in uno spiazzo a fianco della via 37/A, ha riportato ferite di striscio a una gamba. Appena ha notato avvicinarsi un uomo con intenzioni minacciose, si è dato alla fuga in direzione dell’Istituto Minutoli. Si è quindi rifugiato nel cortile della palazzina che si trova di fronte al plesso scolastico, proprio a pochi passi dal luogo in cui si è verificata la tragedia della piccola Ramona, la bimba di appena sei anni precipitata da una finestra al terzo piano e morta all’istante.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X