Venerdì, 18 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Minacce a curatore
fallimentare, 5 anni
a boss Nino Trovato

nino trovato, Messina, Archivio
tribunale messina

I giudici della Prima sezione del Tribunale hanno inflitto una condanna a 5 anni di reclusione al boss di Mangialupi Nino Trovato per le pesanti minacce rivolte al curatore giudiziario dei beni sequestrati nell’ambito dell’operazione Supermarket scattata il 4 dicembre 2012.  La stessa condanna era stata sollecitata dal PM Giuseppe Verzera.

Si tratta dell’inchiesta sull’estorsione da parte dei fratelli Trovato al gruppo commerciale messinese “Gicap Spa” dei fratelli Nino e Francesco Capone, che comprende alcune grosse catene di supermercati in Sicilia e Calabria.  L’indagine si sviluppò dopo una precisa segnalazione del curatore giudiziario di uno dei beni riconducibili al gruppo Trovato, l’avvocato Grazia Gringeri, che evidenziò alcune anomalie su un immobile sottoposto ad amministrazione giudiziaria, il supermercato “Sicilmarket”, di proprietà di Giovanni Trovato, prima sequestrato e poi confiscato. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X