Sabato, 15 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MESSINA

I ciechi siciliani dicono basta ai tagli

ciechi, Messina, Archivio

Ormai dura da mesi e se prima si è stretta la cinghia e si è risparmiato persino sulla carta braille e sui video ingranditori adesso l’unica possibilità sono i tagli. I tagli ai servizi essenziali che garantiscono autonomia, pari opportunità ma soprattutto dignità e libertà a una intera categoria, parliamo di 35 mila ciechi, 90 mila ipovedenti  e 650 ciechi pluriminorati solo in Sicilia, che dopo anni di lotta aveva conquistato traguardi inimmaginabili. Una categoria paragonata, dal governo regionale, a qualsiasi altra associazione di servizi. La mancata approvazione della legge finanziaria 2014 ha messo i ciechi siciliani in ginocchio a combattere non solo con le barriere architettoniche purtroppo sempre più presenti nelle nostre città ma anche con quelle culturali. A Messina oltre alla sezione provinciale dell’Unione Italiana Ciechi, gravi difficoltà si registrano anche al Centro Regionale Helen Keller con annessa scuola cani guida per ciechi, definito non a caso “porta privilegiata” verso la libertà dei ciechi. Ebbene al momento si prefigura uno scenario gravissimo con la sospensione dei servizi ma anche con licenziamento di personale specializzato e riduzioni di contratti. Allo stato di agitazione proclamato dalla categoria seguiranno nei prossimi giorni manifestazioni e forme di protesta ad oltranza. 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X