Lunedì, 24 Settembre 2018
MESSINA

Caso Ricciardi,
anonimo consente
rimpatrio salma

giacomo ricciardi, Messina, Archivio
foto gazzetta del sud

La vicenda, che con grande rammarico dobbiamo ammettere che il Comune ha portato per le lunghe e che non è riuscito a risolvere, si è sbloccata in sette giorni grazie all’intervento del dipartimento di salute mentale Messina sud dell’Asp 5. Il 23 maggio, giorno del 23 compleanno di Fatima, è iniziata una serie di contatti con la Farnesina e il Consolato italiano in Marocco per spiegare cosa stava accadendo a Messina dove il Comune per due mesi non è riuscito a racimolare 3400 euro per il rimpatrio della salma di Giacomo Ricciardi, lo sfortunato messinese sposato con la marocchina Fatima e deceduto per un infarto fulminante a Casablanca due giorni dopo il funerale del suocero. Fatte presenti ai dirigenti della Farnesina e del Consolato la serie di leggi e normative anche della Regione siciliana che esistevano e che si stavano violando, si è immediatamente sbloccata la situazione. Si è materializzato persino un donatore che ieri ha portato la somma al Consolato. Stamattina Fatima davanti a noi ha avuto la conferma da una funzionaria del Consolato italiano in Marocco

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X