Lunedì, 17 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Tributi, in arrivo la
nuova Iuc. Con beffa

iuc imposta unica comunale, Messina, Archivio

Pochissimi comuni italiani l’hanno già introdotta, non senza malumori nei contribuenti: ora anche a Messina è in pista la nuova Iuc, acronimo di Imposta unica comunale (che di unico, però, come vedremo, ha solo il nome) il cui regolamento istitutivo è all’esame della Giunta comunale prima del necessario passaggio in consiglio, anche per la cruciale approvazione di tariffe, aliquote e detrazioni. La sigla Iuc serve a indicare tre diversi tributi tutti legati al possesso di immobili: la “vec - chia” Imu e le nuove Tari (tributo sui rifiuti che sostituisce la Tares) e Tasi (tassa sui servizi indivisi). Ma oltre alla complicazione terminologica, il nuovo quadro della fiscalità locale introdotto dalla legge 147/2013 contiene anche una sonora beffa ai danni degli enti locali, già soffocati da debiti e tagli alle entrate, e soprattutto dei contribuenti. A spiegare il paradosso è il vicesindaco e assessore al bilancio Guido Signorino, che ha già firmato la proposta di regolamento redatta dall’ufficio diretto dal dott. Romolo Dell’Acqua, su cui a breve si pronuncerà l’amministrazione: «Il Comune – sottolinea – non riceverà più dal Fondo nazionale l’integrazione sul gettito Imu a copertura del mancato introito derivante dall’esenzione per le prime case.

IMPOSTA UNICA COMUNALE

Si paga su fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli ed è dovuta solo dal proprietario o da chi vanta un diritto reale di godimento. La base imponibile si determina partendo dalla rendita catastale dell’immobile o, per le aree fabbricabili, dal valore di mercato.

Tassa sui servizi indivisibili È la nuova imposta sui servizi indivisibili che si applica sui fabbricati, compresa l’abitazione principale, e sulle aree fabbricabili. Sono soggetti passivi possessori e detentori (anche inquilini) degli immobili. Questi ultimi, in misura compresa tra il 10% e il 30%, secondo quanto decide il Comune.

Tassa sui rifiuti (Tari) Si applica su tutti gli immobili suscettibili di produrre rifiuti urbani. Sono esenti le superfici che producono rifiuti speciali e le aree scoperte pertinenziali. Le utenze domestiche pagano in base ai metri quadrati e al nucleo familiare. Le altre utenze pagano in funzione dei metri quadrati e degli indici medi di produttività dei rifiuti

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X