Lunedì, 17 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Pesanti ombre sull’emergenza rifiuti, Accorinti: «Troppi guasti sospetti»

emergenza rifiuti, Messina, Archivio

  Prima erano solo cumuli di rifiuti sparsi qua e là. Poi hanno iniziato a farsi sempre più consistenti. Ma non ovunque, solo in alcune zone. Come se la raccolta rifiuti procedesse a singhiozzo. Qualcuno ha iniziato a lanciare sospetti quando, a inizio settimana, i lavoratori di MessinAmbiente si sono presentati a Palazzo Zanca manifestando preoccupazione sugli stipendi (era il giorno del previsto pagamento, ma il timore era rivolto alle imminenti festività pasquali). Adesso i sospetti arrivano direttamente dal sindaco Renato Accorinti. Le cui parole forti, pronunciate ieri, sono destinate a far rumore perché lanciano pesanti ombre sulla gestione della raccolta rifiuti e investono di importanti responsabilità il neo commissario Alessio Ciacci. «Arrivano le feste pasquali – evidenzia Accorinti –ed a Messina si profila l’ennesima emergenza rifiuti. Questa volta le “macchie di leopardo” colpiscono al momento Camaro ed il complesso Mito, Larderia e Zafferia, oltre a zone centrali (le vie Garibaldi, Tommaso Cannizzaro e Pietro Castelli), generalmente non toccate, insieme ad altre zone. Vi sono invece siti in cui la raccolta sembra procedere in maniera regolare».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X