Martedì, 22 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

In carcere quattro
presunti scafisti

 Si erano mescolati con i disperati che avevano trasportato in condizioni disumane, dopo averli raccolti tutti a Tripoli da ogni parte dell’Africa. Quattro gommoni allo sbando tra le onde senza acqua né viveri per 368 persone, tra cui donne e bambini Ma in parecchi hanno raccontato dell’uomo col giubbotto bianco che guidava un gommone e aveva un “telefono internazionale” che ha gettato frettolosamente quando sono arrivati i primi soccorsi, a circa 95 miglia a nord di Tripoli, e il mercantile “Prosper” s’è avvicinato per accoglierli tutti a bordo. Sono almeno quattro, l’uomo col giubbotto bianco e altri tre, i presunti scafisti arrestati dagli investigatori della Mobile dopo i primi accertamenti e i primi interrogatori dal alcuni migranti nella notte di giovedì. Ma l’impressione è che non sia finita qui, ci saranno altre puntate. Ieri i quattro presunti scafisti, un senegalese e tre gambiani, sono stati interrogati dal gip Salvatore Mastroeni, che al termine del faccia a faccia ha convalidato gli arresti della polizia ed ha emesso quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere con l’accusa di procurato ingresso di cittadini extracomunitari.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X