Lunedì, 10 Dicembre 2018
FORMAZIONE PROFESSIONALE

“Arringa” di Genovese
a Montecitorio

francantonio genovese, Messina, Archivio

 

Francantonio Genovese, il deputato messinese del Pd per il quale è stata richiesta alla Camera l’autorizzazione all’arresto nell’ambito dell’inchiesta sulla formazione professionale, è stato sentito ieri dalla Giunta delle Autorizzazioni di Montecitorio, presieduta dall’on. Ignazio La Russa. Per oltre un’ora l’on. Genovese ha esposto le proprie ragioni ai commissari, cui è stata distribuita la relazione di Antonio Leone (Ncd), – documento di cui trattiamo ampiamente all’interno –, con una difesa che è stata definita «garbata ma non sintetica». Il deputato messinese ha denunciato alcuni elementi di fumus persecutionis a suo danno, ma facendo riferimento agli atti processuali ha evidenziato criticità sulla valutazione del prezzo della locazione di un immobile che sarebbe frutto di una perizia a suo parere non adeguata. I commissari del Pd hanno chiesto la produzione di alcuni documenti: tra questi l’ordinanza di revoca della custodia cautelare in carcere di un altro processo parallelo a quello di Genovese. «Oggi abbiamo avviato la discussione – ha detto La Russa –che proseguiremo la prossima settimana. Il termine per esprimerci, il 18 aprile, è solo ordinatorio ». La Giunta è stata intanto riconvocata per martedì e mercoledì prossimi.

 

Francantonio Genovese,
il deputato messinese del
Pd per il quale è stata richiesta
alla Camera l’autorizzazione all’arresto
nell’ambito dell’in -
chiesta sulla formazione professionale,
è stato sentito ieri dalla
Giunta delle Autorizzazioni di
Montecitorio, presieduta dall’on.
Ignazio La Russa. Per oltre
un’ora l’on. Genovese ha esposto
le proprie ragioni ai commissari,
cui è stata distribuita la relazione
di Antonio Leone (Ncd),
– documento di cui trattiamo
ampiamente all’interno –, con
una difesa che è stata definita
«garbata ma non sintetica».
Il deputato messinese ha denunciato
alcuni elementi di fu -
mus persecutionis a suo danno,
ma facendo riferimento agli atti
processuali ha evidenziato criticità
sulla valutazione del prezzo
della locazione di un immobile
che sarebbe frutto di una perizia
a suo parere non adeguata. I
commissari del Pd hanno chiesto
la produzione di alcuni documenti:
tra questi l’ordinanza
di revoca della custodia cautelare
in carcere di un altro processo
parallelo a quello di Genovese.
«Oggi abbiamo avviato la
discussione – ha detto La Russa
–che proseguiremo la prossima
settimana. Il termine per esprimerci,
il 18 aprile, è solo ordinatorio
». La Giunta è stata intanto
riconvocata per martedì e mercoledì
prossimi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X