Venerdì, 18 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Schianto sulla 114,
muore scooterista

cambria scimone, Messina, Archivio

  Disperazione, incredulità e rabbia. Il ghigno beffardo della cattiva sorte produce questi stati d’animo di fronte all’ennesima vita spezzata sulle strade cittadine. Ancora un lutto, conseguenza di un incidente che in prima battuta non sembrava potesse assumere i contorni della tragedia. Invece, dopo ore di sofferenza, il cuore di Giovanni Cambria Scimone, 43 anni, di Santa Lucia sopra Contesse, ha cessato di battere. È morto nel reparto di Chirurgia generale del Policlinico universitario “Gaetano Martino”, dov’era stato trasportato in seguito all’impatto piuttosto violento del suo ciclomotore con un’automobile. Il quadro clinico, anziché migliorare, si è aggravato con il trascorrere del tempo, fino a diventare irrimediabilmente critico. Il decesso, quindi, è avvenuto in corsia, qualche ora dopo il sinistro. Fatali le gravi ferite riportate dal 43enne e vani i tentativi del personale medico di strapparlo alla morte. Riportando indietro le lancette dell’orologio, l’incidente si è consumato pochi minuti prima delle 24. Funesta la notte tra domenica e lunedì: secondo quando ricostruito dalla sezione Infortunistica della polizia municipale, Giovanni Cambria Scimone era in sella al suo ciclomotore Aprilia Scarabeo e pare stesse dirigendosi verso casa. Percorreva la strada statale 114 e giunto quasi all’altezza dell’incrocio con la bretella di San Filippo, il mezzo a due ruote si è schiantato con una Ford Focus, alla cui guida vi era un 55enne.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X