Giovedì, 24 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Il 28 maggio davanti al CGA ricorso contro Accorinti

Sarà celebrata il 28 maggio prossimo l’udienza davanti ai giudici del CGA dopo che la prima sezione del Tar di Catania il 31 gennaio scorso  ha giudicato inammissibili i ricorsi presentati da alcuni cittadini contro l'elezione a sindaco di Renato Accorinti.  Dopo la bocciatura del Tar però i ricorrenti hanno deciso di rivolgersi ai giudici di secondo grado della giustizia amministrativa. Due ricorsi avanzati, quello presentato da Alessia Currò, Giovanna Venuti e Giovanni Cocivera e l’altro avanzato da Eleonora Falduto, Giovanni Smedile e Rita Todaro. 
I firmatari  chiedevano la riapertura dei plichi con i verbali di alcune sezioni elettorali dove ritengono si siano verificati degli errori. Felice Calabrò e Renato Accorinti arrivarono al  turno di  ballottaggio del 23 e   24 giugno, perché il primo ottiene solo il 49,93% dei consensi e il secondo il 24,02 % dei voti.  Il risulta si ribalta al secondo turno quando Accorinti diventa sindaco con quasi 48mila voti,   29.000 preferenze  in più del primo turno, e cioè il 52,6% . Il 13 luglio, quindi, vengono depositati  i primi ricorsi al Tar contro i risultati delle amministrative.    

Sarà celebrata il 28 maggio prossimo l’udienza davanti ai giudici del CGA dopo che la prima sezione del Tar di Catania il 31 gennaio scorso  ha giudicato inammissibili i ricorsi presentati da alcuni cittadini contro l'elezione a sindaco di Renato Accorinti.  Dopo la bocciatura del Tar però i ricorrenti hanno deciso di rivolgersi ai giudici di secondo grado della giustizia amministrativa. Due ricorsi avanzati, quello presentato da Alessia Currò, Giovanna Venuti e Giovanni Cocivera e l’altro avanzato da Eleonora Falduto, Giovanni Smedile e Rita Todaro. I firmatari  chiedevano la riapertura dei plichi con i verbali di alcune sezioni elettorali dove ritengono si siano verificati degli errori. Felice Calabrò e Renato Accorinti arrivarono al  turno di  ballottaggio del 23 e   24 giugno, perché il primo ottiene solo il 49,93% dei consensi e il secondo il 24,02 % dei voti.  Il risulta si ribalta al secondo turno quando Accorinti diventa sindaco con quasi 48mila voti,   29.000 preferenze  in più del primo turno, e cioè il 52,6% . Il 13 luglio, quindi, vengono depositati  i primi ricorsi al Tar contro i risultati delle amministrative.    

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X