Martedì, 25 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Palazzo Zanca, Gabinetto off-limits
MESSINA

Palazzo Zanca,
Gabinetto off-limits

palazzo zanca, Messina, Archivio
Palazzo Zanca

Nella stagione delle porte aperte a palazzo Zanca, dove il sindaco Renato Accorinti, non appena eletto, ha eliminato con le sue stesse mani la barriera d’accesso fatta posizionare all’ingresso del comune dal suo predecessore Giuseppe Buzzanca, arrivano nuove regole,  da un giorno all’altro. Regole talmente  in controtendenza con la cultura dell’inclusione  del primo cittadino, da aver lasciato sbalorditi i suoi sostenitori e anche i dipendenti comunali. Agli uscieri il compito, da stamattina, di fare da filtro fra il gabinetto del sindaco e il resto del palazzo, dovendo far entrare ad uno ad uno eventuali avventori (revisori dei conti compresi)  e lasciando i giornalisti  fuori dalla porta ad attendere dei segretari  che non si sono mai affacciati. La disposizione addirittura coinvolge anche gli stessi impiegati degli uffici dell’amministrazione a cui sarebbe stato chiesto di evitare di recarsi personalmente nelle varie stanze, se non estremamente  necessario, preferendo i telefoni interni. La disposizione farebbe capo al vicesindaco  Guido Signorino ed  è stata comunicata dal capo di gabinetto Silvana Mondello. Una regola, quella di filtrare gli accessi in questo modo così militaresco,  che se è  in sintonia con i dettami delle precedenti amministrazioni (ricordiamo che Buzzanca fece istallare un  sistema di videosorveglianza interna collegato ad un monitor sulla sua scrivania) era stata   disconosciuta  da Accorinti, che certo prima di essere sindaco non si faceva annunciare, tutt’altro. Ecco perché lascia sorpresi i più ed interdetti i suoi. Ma lui cosa ne pensa?         

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook