Lunedì, 17 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Sindaco e Avvocati
si scontrano sui poteri forti

accorinti celona, Messina, Archivio
Renato Accorinti

Non accetto che nessuno usi un linguaggio di questo genere nei miei confronti parlando di poteri forti, io ho passato una vita a combattere i poteri forti e quindi rimando al mittente le accuse". Lo dice il sindaco di Messina, Renato Accorinti, stamani all'inaugurazione dell'anno giudiziario al tribunale di Messina, rispondendo alle accuse del presidente del'Ordine degli avvocati, Francesco Celona, che aveva accusato il sindaco di non voler decidere sulla nuova sede del palazzo di Giustizia, a causa della contrarietà al progetto da parte dei poteri forti. "E' arrogante - prosegue il primo cittadino - porre la questione della nuova sede dicendo che o si fa nell'ex casa dello studente o chissà cosa c'è sotto. Io nell'interesse della città voglio vedere tutte le opzioni che ci sono per scegliere quella migliore, senza farmi condizionare da nessuno ma solo dal bene comune. Per 26 anni hanno rimandato una decisione sull'argomento e ora le colpe sarebbero mie dopo sei mesi di sindacatura. Decideremo presto, ma voglio prima valutare serenamente le diverse possibilità". (ANSA).

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X