Giovedì, 24 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Rifiuti in città,
nessuna emergenza

Emergenza scongiurata. Nonostante qualche piccolo disagio. La città è uscita quasi indenne dalla due giorni di festa che avrebbe potuto causare un black out al servizio di raccolta dei rifiuti a causa della chiusura della discarica di Motta Sant’Anastasia. Messinambiente se l’è cavata benone, anche se non sono stati moltissimi i messinesi che hanno ascoltato l’invito dell’assessore Ialacqua che tante polemiche aveva provocato. Ialacqua aveva chiesto ai messinesi di tenere a casa l’immondizia nei giorni di festa, per evitare di provocare una nuova emergenza rifiuti. Qualcuno lo ha fatto davvero, molti hanno riempito i cassonetti.

L’emergenza, però, è stata ugualmente evitata. Perché di fatto la discarica è rimasta completamente chiusa solo nella giornata di ieri. Oggi è rimasta aperta tutta la mattinata. Così già alle 4 la raccolta è ripartita, seppure non ancora a pieno regime.

Lo sarà a partire da domani. La sensazione è che si possa tranquillamente tornare alla normalità. Questa giornata di stop alla raccolta, in compenso, è servita a Messinambiente per continuare – e praticamente completare – il lavoro di eliminazione delle discariche abusive in città. Ieri sono state bonificate circa venti zone in cui da tempo si doveva intervenire. I mezzi in cicolazione sono passati da 5 a 13, la situazione è in netto miglioramento.

Il problema nuovo di oggi è il vento che ha portato sulle strade foglie e rami. Alla cortina si sono registrati i disagi maggiori, ma gli intreventi di pulizia sono stati richiesti in molte zone della città.

E intanto, sueprata la questione di stipendi e tredicesime, regolarmente pagati subito prima di Natale, c’è da risolvere il problema delle assicurazioni che stanno per scadere. Il comune sembra intenzionato a prorogare di tre mesi l’affidamento del servizio di raccolta a Messinambiente, ma è chiaro che i rinnovi delle assicurazioni vanno fatti per un anno intero. Si cercherà una soluzione. L’importante, adesso, era evitare che la città rimanesse sommersa dai rifiuti del Natale. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X