Venerdì, 22 Ottobre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio L’austerità va bene ma un Natale così triste...
MESSINA

L’austerità va bene ma
un Natale così triste...

natale, Messina, Archivio

   Che lo si guardi dall’alto o “dal basso”, è un Natale triste. Tra tutte le città dell’Isola, Messina sembra la più malinconica, e non era questa l’immagine che una nuova giunta, insediatasi da quasi sei mesi, avrebbe dovuto, e probabilmente voluto, dare. Intendiamoci, di fronte a una crisi epocale come quella che stiamo vivendo, non può esserci spazio per gli sprechi, bisogna necessariamente darsi delle priorità e avere il senso della misura e una concezione austera dell’uti - lizzo delle risorse pubbliche, in verità sempre più scarse. Ma quello del 2013 è il primo Natale della giunta Accorinti e si presenta così, spoglio come un albero rinsecchito, senza isole pedonali, senza luminarie, senza eventi che non siano le occupazioni delle scuole o le mostre dei presepi allestite dalla Curia arcivescovile o dalle tante associazioni di volontariato. Uno dei motivi di vanto dell’at - tuale amministrazione continua a essere l’invito rivolto ai cittadini, pochi giorni dopo l’insedia - mento, e raccolto da molti messinesi, che si mobilitarono per una giornata trascorsa a ripulire tratti di spiaggia. Ebbene, si sarebbe dovuto seguire questo metodo, visto che di fondi in bilancio destinati all’effimero non vi è traccia. Preso atto dell’impossibilità di utilizzare i vecchi addobbi, e le luci sepolte negli scantinati e ritenute non più a norma, si sarebbe potuto lanciare un appello, nel corso di una conferenza stampa, chiedendo la piena collaborazione dei cittadini, dei commercianti, degli imprenditori. La crisi c’è dovunque, almeno alle nostre latitudini. E allora perché Palermo e Catania, malgrado i drammatici problemi e le emergenze costanti (vedi l’immondi - zia che sommerge le strade della capitale siciliana), riescono a presentare un volto dignitoso, con le piazze addobbate a festa e non una ma tante isole pedonali, e noi no?

L'articolo completo di Lucio D'Amico lo trovate sul nostro giornale

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook