Martedì, 18 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
PALAZZO ZANCA

Troppi senza tetto
è emergenza
abitativa

emergenza abitativa, Messina, Archivio
sfrattati case zancle

La disperazione degli sfrattati, degli ex baraccati, degli sfollati di Altolia. Il sindaco Accorinti ha aperto tutte  le porte della casa comune ed è proprio la fame di casa di tantissimi messinesi ad esplodere in tutta la sua drammaticità. Alle prese con l’emergenza abitativa sin dal suo insediamento (una delle sue prime denunce fu quella della graduatoria degli assegnatari aventi diritto non attendibile), oggi il sindaco si trova a dover gestire una situazione esplosiva. Fuori dalla sua porta ex baraccati di Giostra e senza un alloggio talmente disperati ad gettarsi a terra come barriera umana per evitare la chiusura della porta di accesso ai suoi uffici;  le famiglie alluvionate di Altolia, che devono lasciare le case d’emergenza di Mili perché nessuno da diversi mesi paga più l’affitto al proprietario, essendo scaduta l’ordinanza di protezione civile e anche i senza tetto che mesi fa avevano occupato il transatlantico con bambini, carrozzelle,  e materassi. Accorinti riceve tutti, dimostra di conoscere i casi uno per uno, ma, ovviamente, la bacchetta magica non ce l’ha. “Stiamo lavorando per voi”,  sembra quasi lo slogan di questo momento difficile.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X