Sabato, 19 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Chiesti 16 anni
per Rosario Cattafi

rosario pio cattafi, Messina, Archivio

Hanno scelto un metodo inusuale  quello della requisitoria scritta per spiegare in oltre 250 pagine il ruolo dell’avvocato Rosario Pio Cattafi in Cosa Nostra. Per i sostituti della DDA Angelo Cavallo, Vito Di Giorgio e Giuseppe Verzera, non ci sono dubbi. E lui il capo indiscusso della mafia barcellonese come hanno confermato alcuni importanti collaboratori di giustizia barcellonesi e catanesi. Alcuni dei quali avrebbero partecipato a dei summit alla presenza di Nitto Santapaola che con Cattafi aveva un rapporto paritario all’interno della famiglia.

Oggi al gup Monica Marino i PM hanno chiesto con l’abbreviato per Cattafi che si trova ristretto al 41 bis, la condanna a 16 anni di reclusione. Nei mesi scorsi aveva sorpreso la scelta di accedere all’abbreviato e di essere giudicato separatamente rispetto agli altri sei indagati dell’operazione Gotha 3. Una scelta dettata anche dalla circostanza che Cattafi, che oggi ha seguito l’udienza in videoconferenza, si preparava a rilasciare ai magistrati  nuove scottanti rivelazioni.

Intanto oggi l’udienza è proseguita per gli altri indagati con la discussione delle parti civili. Il 22 luglio Cavallo, Di Giorgio e Verzera avevano chiesto la condanna a 16 anni per Tindaro Calabrese, già boss dei Mazzarroti, 10 anni per Agostino Campisi, 16 anni per il cassiere della cosca Giuseppe Isgrò,  14 anni e mezzo per il boss Giovanni Rao di Castroreale e 10 anni per il barcellonese Salvatore   Carmelo Trifirò.

La sentenza per tutti, Cattafi compreso è prevista per il 18 novembre prossimo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X