Venerdì, 16 Novembre 2018
MESSINA

Due poliziotti donano
risarcimento a Lelat

In una realtà in cui le forze dell’ordine sono viste come un nemico da cui difendersi, oggi è arrivato un segnale di solidarietà. 

Lo scorso mese, durante le convulse operazioni che hanno portato all’arresto di due malviventi, gli agenti Cosimo Altadonna e Carmelo De Marco hanno subito alcune lievi lesioni. Giunti in giudizio, i due indagati hanno chiesto di poter risarcire i danni ai due poliziotti, nel tentativo di poter ottenere un rito alternativo.

I due poliziotti accettano il risarcimento e, contestualmente, fanno mettere a verbale che i 1000 euro loro dovuti, fossero devoluti alla Lelat, l’associazione che da 23 anni si occupa della riabilitazione e del reinserimento sociale di tossicodipendenti.

La sede è inserita in un contesto particolarmente difficile, fra Gazzi e Mangialupi, e più volte è stata oggetto di atti vandalici. La fondatrice e presidente dell’associazione Annamaria Garufi afferma con rammarico come ogni danno subito fosse più morale che economico; ma il grande gesto compiuto dai due agenti ridà ancora più forza per combattere la quotidiana battaglia per la legalità nella speranza di una cooperazione con le forze dell’ordine e con il territorio sempre più solida.

Stamattina i ragazzi ospitati nella struttura hanno accolto il dirigente delle Volanti Maurizio Lento e il sovrintendente Altadonna e hanno manifestato la loro gratitudine con il simbolico dono di due quadretti creati da loro. “Lo appenderò nella mia stanza - dice Altadonna durante il piccolo rinfresco preparato dai ragazzi- per me vale molto di più di altri riconoscimenti.”

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X