Lunedì, 22 Ottobre 2018
TRASPORTI

Operativa la
nave "Messina"

nave messina, Messina, Archivio
Nave messina

Lunga 147 metri e larga 18,7.  Partita dagli invasi dei Nuovi Cantieri Apuania di Marina di Carrara, è arrivata alla stazione marittima il 25 aprile scorso, salutata dalle sirene delle altre navi ormeggiate. E dopo le necessarie prove di certificazione e omologazione, sarà inaugurata  alle 12 l’ imbarcazione adibita al trasporto di carrozze, carri ferroviari e fino a 900 passeggeri per i collegamenti sullo Stretto. Con una velocità massima di 18 nodi, dotata di celata prodiera “rovescia” per l’ingresso e l’uscita dei treni, si caratterizza per facilità di manovrabilità, e gli alti standard dei sistemi per la prevenzione dell’inquinamento marino e aereo, con sistemi per evitare le perdite accidentali di olio in mare e un impianto biologico che collega gli scarichi in una cassa di raccolta per il trattamento dei liquami. la nave è dotato della certificazione internazionale “Green Passport”, a testimonianza dell’attenzione all’ambiente da parte del Gruppo FSI. Si chiama Messina, e questo, forse, è un fatto ancor più significativo. Risale al 1981 l’ultima traversata della nave che portava questo nome. Una nave solida, l’unica sopravvissuta ai bombardamenti della seconda guerra mondiale. E questo battesimo è frutto di una lunga battaglia, l’ultima dell’attività del comitato “pro nave traghetto Messina”, costituito nel 2011 dall’ Associazione Ferrovie Siciliane.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X