Sabato, 15 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
MERCATO FONDO FUCILE

Manca segnaletica
salta trasferimento

mercato fondo fucile, Messina, Archivio
mercato

La prima ordinanza il commissario Croce l’aveva firmata il 7 maggio. Disponeva il trasferimento del mercato nella nuova area di Villaggio Aldisio. C’era anche una data. Il 22 maggio. Poi spostata al 19 giugno, poi ancora al dieci luglio. Oggi. Eppure è ancora tutto fermo. Tutto com’era prima. Sul viale Gazzi, accanto a Fondo Fucile, oggi come ogni mercoledi e giovedi c’era regolarmente il mercato. L’ordinanza del commissario non ha prodotto l’effetto. Eppure ci sono stati incontri, riunioni, tavoli tecnici. Eppure la Polizia Municipale ha lavorato quattro giorni interi per notificare agli ambulanti l’ordinanza di trasferimento. Tutto inutile. Per colpa di un passaggio mancato. Pare che gli ambulanti, che già erano poco propensi al trasferimento, abbiamo comunicato l’intenzione di restare dove sono sempre stati perché nell’area di Villaggio Aldisio in cui avrebbero dovuto trasferirsi non erano stati disegnati gli stalli con i numeri. Il compito, a quanto pare, spettava al dipartimento viabilità. Non ci sono però comunicazioni ufficiali. C’è, in compenso, la rabbia degli abitanti della zona, esasperati, da anni costretti a fare i conti con il blocco della strada, l’incremento del traffico, i mille disagi legati alla presenza del mercato. Speravano che il problema fosse stato risolto con l’ordinanza di Croce. Nei fatti nulla è cambiato. Ha pesato, di certo, il malcontento degli ambulanti che più volte hanno sottolineato come l’area in cui avrebbero dovuto trasferirsi non fosse adatta alle loro esigenze. Troppo piccola, con strutture difficili da gestire, perfetta per gli alimentari ma non per l’abbigliamento e le altre bancarelle. Avevano offerto disponibilità a dialogare con il comune per cercare una soluzione che accontentasse tutti. Si era deciso di procedere al sorteggio dei 78 box a disposizione, sulla base dell’anzianità degli ambulanti, o meglio delle licenze. Dovevano però essere prima segnati gli stalli. Cosa che non è accaduta. Così si è di nuovo fermato tutto quanto. Le bancarelle sono ancora li, dove sono sempre state. L’area di Villaggio Aldisio è libera. Gli ambulanti sono rimasti in bilico tra un lato e l’altro del viale Gazzi, gli abitanti sono esasperati da caos e rumori. Insomma, sono tutti scontenti. Nonostante ci sia una soluzione già pronta.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X