Mercoledì, 19 Settembre 2018
OP. SAVANA

I furti di mobili
antichi e la droga
Quattro condanne

op. savana, Messina, Archivio

Il nome “Savana” dato all’inchiesta deriva da “leone” e “leoncino”, ovvero in vernacolo “liuni” e “liuneddu”, che erano da identificare in Alessandro e Antonino Cutè, padre e figlio, che sono ritenuti dagli inquirenti al vertice rispettivamente del gruppo specializzato in furti in appartamento e dell’altro dedito allo smercio di droga. nel calderone dell’operazione finirono pure decine di episodi di smercio di marijuana, hascisc, eroina e cocaina, venduta non solo a clienti messinesi ma anche a soggetti che giungevano in città perfino dalla provincia di Enna.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook