Martedì, 18 Dicembre 2018
stampa
Dimensione testo
VERSO PALAZZO ZANCA

Tutti gli uomini
di Felice Calabrò

Prima di quelle degli assessori le deleghe del sindaco: bilancio, viabilità e personale.  Del bilancio in particolare – dice Felice Calabrò- me ne voglio occupare personalmente. Per il resto non ci sono sorprese rispetto all’assegnazione delle deleghe- abbiamo premiato le competenze-  spiega Calabrò.  A Carmen Currò, presidente del Cedav, vanno quindi politiche sociali e diritti di cittadinanza; all’architetto Francesco Cardullo Città e Architettura; al prof.  Maurizio Lanfranchi Sviluppo economico, Marketing  territoriale, agricoltura e turismo; al vice capo di gabinetto della prefettura  Matilde Mulè, (assente anche oggi per discrezione istituzionale  precisa il candidato sindaco) assegnate la  riorganizzazione della macchina burocratica e la gestione delle partecipate; e ad Egidio Bernava, ex presidente del teatro Vittorio Emanuele cultura e spettacoli.  Quindi le new entry: al cardiochirurgo Andrea Consolo, ex guardalinee internazionale, vanno le deleghe sport e ambiente: le politiche scolastiche alla preside dell’Istituto Antonello Elvira D’Orazio e quindi il contenzioso all’avvocato penalista Salvatore Versaci.  Rimpasti a parte, otto assessori per un numero altissimo di deleghe che prima venivano suddivise nell’ambito di  una squadra più nutrita sono pochini per Calabrò, il quale si dice pronto a verificare se , a costi invariati, cioè non sforando il budget dei compensi previsti per la giunta, il numero si potrà portare a dieci. Di questo però aggiunge me ne occuperò se vincerò, conclude anticipando di essere già sulle tracce dei finanziamenti per introdurre la Social Card anche a Messina. ( foto da felicecalabrosindaco.it)

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X