Lunedì, 27 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Dopo il teatro hanno occupato la Galleria Inps
MESSINA

Dopo il teatro
hanno occupato
la Galleria Inps

galleria inps, Messina, Archivio

L’avevano preannunziato all’indomani dello sgombero dei locali del Teatro in Fiera: «Il contagio dilaga, la mobilitazione continua, non ci fermeremo». E così ragazze e ragazzi dell’autoproclamata “Repubblica del Pinelli” (in realtà il movimento è collegato al fenomeno internazionale culminato con le manifestazioni di “Occupy Wall Street” e con le occupazioni di molti Teatri ed edifici pubblici in Italia e in Europa) si sono dati appuntamento ieri sera in via Consolato del Mare, di fronte a Palazzo Zanca. E lì, forzando i cancelli, hanno “preso possesso” della Galleria del palazzo Ina-Inps, pregevole opera liberty dell’architetto Peressutti. Anche in questo caso, come in quello del Teatro in Fiera, vi è alle spalle la storia di un bene pubblico abbandonato, lasciato nel degrado da decenni, nonostante le innumerevoli denunce, le centinaia di articoli e di servizi giornalistici, le interrogazioni di consiglieri comunali. Tra le ultime prese di posizione ufficiali vi è quella del presidente del consiglio comunale Pippo Previti che, nel gennaio del 2011, scrisse una lettera ai vertici nazionali e alla direzione messinese dell’Inps, denunciando le condizioni vergognose nelle quali la Galleria – «prezioso scrigno purtroppo non fruibile da troppo tempo» – versava. «Molte volte – sottolineava Previti – sono stati esperiti vari tentativi per aprirla, cercando di mettere d’accordo i vari proprietari, ma a tutt’oggi assistiamo a uno spettacolo degradante. Pedane in legno, bidoni vuoti, rifiuti vari, resti di lavori effettati in qualche ufficio o appartamento ma poi lasciati lì a far bella vista di sè. Oltre la Galleria, le due belle fontane esterne restano prive dei loro naturali giochi d’acqua. Per chi ama la città vedere quotidianamente questo spettacolo è una sofferenza continua. Un pugno tremendo allo stomaco. Eppure, se si vuole – continuava Previti –, con un minimo impiego di risorse economiche, si potrebbe fruire di questo pregevole gioiello architettonico».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook