Mercoledì, 19 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Ricevuto vara il "Salva Provincia"
PALAZZO DEI LEONI

Ricevuto vara il "Salva Provincia"

nanni ricevuto, provincia messina, salva provincia, Messina, Archivio

Nanni Ricevuto vara una serie di misure correttive di contenimento della spesa per la predisposizione del bilancio previsionale 2013. Una proposta inviata ad assessori, organizzazioni sindacali e consiglieri, mirata a chiudere l'ultima manovra finanziaria dell'attuale Giunta provinciale, ma che potrebbe presto scatenare un vespaio rumoroso di polemiche. Numeri alla mano il presidente sa che questa partita non sarà facile da vincere. I tagli continuano a fioccare: si passerà dagli oltre 29 milioni trasmessi nel 2010 ai 5 milioni e 700 mila euro del 2013. Inevitabile, dunque, correre ai ripari.

I provvedimenti colpiscono gli organi politici ma soprattutto il personale. Ed è questo elemento che probabilmente, anzi certamente, farà discutere. Il presidente della Provincia ha ordinato, affidando la regia al segretario generale, il contenimento ai livelli essenziali ed inderogabili delle spese per beni e servizi, la riduzione delle ore di rientro pomeridiano, la sospensione del fondo del salario accessorio, l’attivazione di procedure per favorire il collocamento a riposo o le dimissioni volontarie dei dipendenti, oltre a processi di riconversione professionale e lavorativa.

Un fulmine a ciel sereno, un passaggio ritenuto necessario per l'Amministrazione per chiudere l'ultimo bilancio dell'attuale Giunta e garantire posti di lavoro e stabilità all'ente. I sindacati, per lo meno una parte, sono già sul piede di guerra. Mugugni arrivano dai corridoi ma anche dal Consiglio. Subito attivo il capogruppo del Mli, Roberto Cerreti: «Inspiegabile pensare che l’unica ricetta utile per il contenimento della spesa sia tagliare i costi del personale, senza invece concentrarsi sulle vere spese di una Giunta che costa oltre 100 mila euro in più del dovuto all’anno, sull'esborso per il pagamento delle reperibilità ai dirigenti (800 euro mensili in più sulle buste paga), o addirittura gli strapagati “Nucleo di valutazione” e “Collegio di Difesa”, che adottano le parametrazioni economiche più alte consentite dalla legge».

Nell'edizione di Gazzetta del Sud in edicola tutti i dettagli sul piano “Salva Provincia” varato dal presidente Nanni Ricevuto

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook