Martedì, 25 Settembre 2018
NOTTE DELLA CULTURA

Salta la quinta edizione,
silenzio dal comune

notte della cultura, Messina, Archivio

Manca ancora l’ufficialità ma non si farà quest’anno la quinta edizione della Notte della Cultura. Uno dei momenti culturali ma anche aggregativi più importanti degli ultimi anni almeno per il momento è destinato a saltare. L’iniziativa, ideata cinque anni fa dall’allora ex sindaco ed assessore alla cultura Giovanni Ardizzone, si è sempre svolta nel mese di febbraio anche a costo di sfidare le condizioni inclementi del tempo.  Quest’anno invece dal commissario straordinario al Comune Luigi Croce non è giunta alcuna disposizione in merito. I dirigenti di Palazzo Zanca, responsabili del settore cultura, non hanno avuto alcuna indicazione  al riguardo per cui è ormai certo che l’appuntamento, accolto con grandissimo entusiasmo dai messinesi negli anni scorsi, almeno per ora salterà. Per mettere a punto un’iniziativa imponente come la Notte della Cultura, che vede impegnati decine di enti pubblici e privati, siti del centro e della periferia, scuole, associazioni, compagnie teatrali, gruppi musicali e tanti volontari, servono dai cinque ai sette mesi di lavoro incessante ed un gruppo di lavoro dedito all’organizzazione dell’evento. Da Palazzo Zanca non giungono segnali di alcun tipo ma probabilmente la mancanza di una giunta comunale e le gravi emergenze che il commissario Croce ha dovuto affrontare dal giorno del suo insediamento hanno fatto passare in secondo piano un’iniziativa che, almeno per una notte l’anno, aveva risvegliato la città, l’aveva resa viva, aveva indotto i messinesi ad uscire di casa ed a riscoprire angoli di una Messina sepolta sotto il peso di vertenze, problemi e paure di ogni tipo.  Cancellare la Notte della cultura sarebbe uno scempio che anche una città in forte crisi come Messina non merita assolutamente. E allora perché non cominciare a pensare fin da ora ad organizzare una Notte della Cultura d’inizio estate? Magari da far coincidere con la ricorrenza della Madonna della Lettera il 3 giugno quando, ballottaggio permettendo, potrebbe anche avvenire la prima uscita ufficiale del nuovo sindaco di Messina. Un segnale di rinascita che la città, devastata da anni d’immobilismo, attende con trepidazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X