Sabato, 22 Settembre 2018
VIADOTTO RITIRO

I lavori sono urgenti
Ma è impossibile
l’affidamento diretto

viadotto ritiro, Messina, Archivio

È una partita che ormai si gioca sul filo dei mesi, delle settimane. Che sia questa “messa in sicurezza” l’intervento più urgente da effettuare a Messina, anzi sull’intera autostrada siciliana, non vi è nessuno che non lo pensi, che non lo condivida nel modo più convinto. Ma nel campo della protezione civile, in cui la prevenzione del rischio sismico che affligge impalcati e pilastri del viadotto Ritiro pienamente rientra, esistono diversi gradi, livelli, del concetto di urgenza. Sta qui l’unica differenza tra le conclusioni a cui è arrivato il Tavolo istituzionale riunitosi alcuni giorni fa a Palermo, quasi unanime nella condivisione di una “procedura negoziale ristretta” che comunque, per il sospirato miglioramento urgente delle condizioni del viadotto, dimezzerà i tempi di un appalto ordinario, e quelle più drastiche dell’ingegnere capo del Genio Civile, Gaetano
Sciacca, a giudizio del quale, «in base a quanto già scritto dal mio ufficio e dall’Università, anche un affidamento diretto avrebbe potuto trovare giustificazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X