Lunedì, 21 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
PALAZZO ZANCA

Cittadinanza onoraria
a Giovanni Pascoli

giovanni pascoli, Messina, Archivio

E’ stato il vicesindaco ed assessore alla PI del comune di San Mauro Pascoli, Angela Benedetti a ritirare la chiave segno della cittadinanza onoraria a Giovanni Pascoli. Il poeta romagnolo a Messina visse dal 1898 al 1903 uno dei periodi più proficui della sua produzione poetica. Commossa e  onorata la Benedetti, delegata dal sindaco Gianfranco Miro Gori, ha letto una lettera inviata dal primo cittadino di San Mauro Pascoli. Altrettanto emozionata un’altra ospite d’eccezione Gloria Fuzzi, la cui bisnonna Ida Pascoli era la sorella di Giovanni Pascoli. Lei cantante e musicista ha raccontato che dal 2005 ha iniziato a musicare le poesie del prozio. A far parte del gruppo ospite anche la direttrice del museo Casa Pascoli Rosita Boschetti. A loro è stata riservata una affettuosa accoglienza intanto dagli studenti dell’istituto comprensivo Pascoli Crispi che hanno introdotto la cerimonia con alcuni canti e poi dalle autorità ad iniziare dal commissario Croce che nel conferire la cittadinanza onoraria ha specificato come quello di oggi sia stato il primo evento lieto a cui ha partecipato da quando ha iniziato il suo mandato viste le tante problematiche che si è trovato finora ad affrontare. Il presidente del consiglio comunale Giuseppe Previti ha consegnato targhe e ricordi alle ospiti per le quali il comitato per le celebrazioni pascoliane Messina 2012, coordinato d Piero Chillè, ha organizzato un nutrito programma che si concluderà domani all’università.  Agli appuntamenti dei giorni scorsi, organizzati dal Comitato di Coordinamento delle Celebrazioni Pascoliane di Messina 2012, hanno aderito la Biblioteca comunale "Tommaso Cannizzaro" e la Biblioteca provinciale "G. Pascoli", in collaborazione con l'Università e la Biblioteca regionale universitaria, che nel Salone degli Specchi di palazzo dei Leoni hanno allestito una mostra bibliografica–documentaristica. Stilato anche un protocollo d’intesa che tra i numerosi scopi per evidenziare la figura del poeta si propone di realizzare un museo nel palazzo Sturiale a piazza don Fano dove Pascoli soggiornò per un periodo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X