Lunedì, 12 Novembre 2018
SERIE D

Acr Messina
prove di fuga
contro la Gelbison

gelbison acr messina, Messina, Archivio
Siamo solo a novembre ma il campionato di serie D potrebbe essere già una svolta. Molto dipenderà, ovviamente, dal risultato che l’Acr Messina, leader della classifica,  riuscirà ad ottenere nella difficile trasferta di Vallo della Lucania contro l’ex capolista Gelbison che domenica scorsa a Licata ha perso l’imbattibilità. Giallorossi e campani sono separati da soli due punti. Una vittoria della squadra di Catalano potrebbe, quindi, dare un scossone significativo anche per gli impegni fuori casa delle altre inseguitrici, attese da due derby, il Cosenza a Vibo Valentia ed il Savoia a Cava Dei Tirreni. Più morbida, invece, almeno sulla carta, la gara del Città di Messina che al Celeste ospiterà il Noto. Il ritardo dai cugini è di quattro lunghezze, non un abisso, ma un margine, comunque, indicativo. Insomma la concorrenza è avvisata e c’è molto attesa per i segnali che giungeranno dall’impianto cilentano. A fari spenti, intanto, l’Acr Messina sta preparando il big match che sarà affrontato, probabilmente, senza Chiavaro e Quintoni. Più semplice la sostituzione del primo, più complessa, invece, quella del secondo che per la sua duttilità tattica e  capacità balistiche è diventato uno dei punti cardine della squadra. Assenza pesante nella Gelbison che dovrà rinunciare all’attaccante Galantucci. La formazione di Erra, uno che alla guida del Sambiase più di una volta ha fatto male al Messina, a parte Senè, non dispone di molte risorse offensive, un punto debole che i giallorossi dovranno cercare di sfruttare al meglio. Designato l’arbitro del match in programma al Morra. Sarà Lorenzo Bertani di Pisa, non proprio un portafortuna per i peloritani visto che nella passata stagione diresse Cosenza-Acr finita 4-1 per i silani.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X