Domenica, 23 Settembre 2018
COLPO DI SCENA

Il Pd non vota
l'aumento dell'Imu
proposto da Croce

imu, pd, Messina, Archivio
croce

“Prima un piano di rientro chiaro  e solo dopo  l’IMU”.  E’ la linea della segreteria cittadina del partito democratico, condivisa con il gruppo di palazzo zanca, chiamato oggi a votare in consiglio comunale la delibera proposta dal commissario Croce e che prevede l’aumento delle aliquote Imu  al massimo consentito dalla legge. In assenza di un piano di rientro complessivo- ha esordito il segretario Giuseppe Grioli-  non ci sentiamo di dare un altro duro colpo ai cittadini che subiscono una crisi  economico-finanziaria che non ha precedenti. Insomma in poche parole per il momento il Pd non voterà il documento approdato oggi in aula  L’aumento dallo 0,4 allo 0,6 per cento dell’aliquota sulla prima casa che si aggiunge all’aumento dallo 0,76 all’1,06 per gli immobili diversi dalla prima casa è una decisione che- ha proseguito Grioli-  non può essere presa come un atto dovuto. L’esempio è eclatante: sulla base di una rendita catastale di circa 300 euro sulla I casa l’aumento si aggirerebbe intorno ai cento euro,  e sui circa 150 euro sulla seconda casa. In una città in cui  migliaia di persone non prendono lo stipendio da mesi- ha sottolineato il segretario  cittadino – è necessario  ritrovare equità e giustizia sociale nelle scelte, perchè quando si tocca la prima casa si colpisce tutti indipendentemente dal reddito. Inoltre – ha concluso- non bisogna dimenticare che a Messina l’addizionale comunale dell’ Irpef è fissata nella misura massima consentita dell’80% dell’imponibile.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X