Sabato, 22 Settembre 2018
CRISI EAS

Rischio sospensione idrica per 13 comuni del Messinese

cesarò, crisi idrica, eas, saro sidoti, Messina, Archivio
crisi idrica

Rischio sospensione idrica per tredici comuni della provincia di Messina. A determinarlo potrebbe essere la grave crisi finanziaria dell’Ente Acquedotti Siciliani, in liquidazione ormai da otto anni e sommerso dai debiti che hanno raggiunto i 400 milioni di euro, sommata all'impossibilità dei comuni di coprire l'importo dovuto al trasferimento dell'acqua e sopperire alle mancanze pefino con l'ordinaria manutenzione delle condutture. Quarantacinque i comuni siciliani riforniti dalla Eas, come detto tredici nel Messinese: Casalvecchio Siculo, Cesarò, Furnari, Gaggi, Mazzarà S. Andrea, Merì, Motta d’Affermo, Roccavaldina, S. Teodoro, Savoca, Tusa, Valdina e Venetico.

Particolarmente complessa la situazione di Cesarò, paese rimasto senz’acqua per parecchi giorni. L'Amministrazione, per ovviare a tale disagio, ha dovuto provvedere urgentemente al ripristino del guasto alla rete di adduzione e al rifornimento dei serbatoi idrici utilizzando delle autobotti, accollandosi così ulteriori spese che gravano sulle casse comunali. Sull'argomento è intervenuto il capogruppo dell'Udc alla Provincia, Saro Sidoti, che ha scritto al presidente dell'ente Ricevuto chiedendo al capo dell'esecutivo di farsi portatore delle problematiche dei comuni e capire cosa ha ridotto all’immobilismo l’ Eas.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X